cookies

Manuale MSD di Geriatria > Malattie muscoloscheletriche

SEZIONE 7

7. MALATTIE MUSCOLOSCHELETRICHE

52

MALATTIE REUMATOLOGICHE

SINDROME DI SJGREN

Malattia autoimmune cellulo-mediata che causa infiammazione, disfunzione e distruzione delle ghiandole esocrine.

Questa sindrome cronica caratterizzata dalla diminuzione dell’attivit delle ghiandole salivari e lacrimali (sindrome sicca), cui si associa una connettivopatia.

Sintomi, segni e diagnosi

I segni pi frequenti, cio, la xeroftalmia (occhio secco) e la xerostomia (bocca secca), sono presenti in una percentuale di pazienti anziani che arriva al 25%. Tuttavia, la maggior parte delle persone che accusano tali sintomi ha un’atrofia delle cellule mucosecernenti, pi che una malattia autoimmune. I pazienti con xeroftalmia lamentano una sensazione di corpo estraneo o di sabbia all’interno dell’occhio. Quelli con xerostomia sentono invece la necessit di bere abbondanti quantit di liquidi e accusano ipogeusia e la presenza di carie dentaria in eccesso. Occasionalmente, la sindrome di Sjgren accompagnata da manifestazioni sistemiche, tra le quali il fenomeno di Raynaud, la poliartrite, la polmonite interstiziale, la vasculite, le manifestazioni neurologiche e psichiatriche e la perdita di altre funzioni esocrine.

La diagnosi si basa sulla sintomatologia. Come prova diagnostica per la sindrome di Sjgren stato proposto il test di Schirmer, nel quale si utilizza una piccola striscia di carta da filtro per misurare il grado di umidificazione dell’occhio; tuttavia, l’esecuzione di questo test non standardizzata. La sindrome di Sjgren pu essere accompagnata dalla presenza di autoanticorpi nel sangue, tra i quali gli anti-Ro e gli anti-La. La biopsia delle ghiandole salivari minori del labbro, sebbene sia raramente necessaria, pu confermare la diagnosi. Il reperto quello di un’infiltrazione linfocitaria focale o diffusa delle ghiandole stesse.

Terapia

La terapia sintomatica. I trattamenti standard consistono nella somministrazione di lacrime artificiali e negli sciacqui orali a base di limone e glicerina. Per le forme sistemiche della malattia, sono stati sperimentati con diversa efficacia i corticosteroidi e altri farmaci immunosoppressori.