Manuale Merck > Malattie del fegato e delle vie biliari

4. MALATTIE DEL FEGATO E DELLE VIE BILIARI

42. EPATITE

Processo infiammatorio del fegato caratterizzato da una necrosi diffusa o parcellare che colpisce tutti i lobuli.

Le cause più importanti dell'epatite sono dei virus specifici dell'epatite, l'alcol (v. Cap. 40) e i farmaci (v. Cap. 43). Cause meno frequenti includono altri virus (p. es., mononucleosi infettiva, febbre gialla, citomegalovirus) e la leptospirosi. Alcune infezioni parassitarie (p. es., la schistosomiasi, la malaria, l'amebiasi) interessano il fegato, ma non causano una vera epatite. Anche le infezioni e gli ascessi da piogeni vengono di solito considerati come un'entità diversa. L'interessamento del fegato in corso di TBC e di altre infiltrazioni granulomatose viene talvolta indicato come epatite granulomatosa (v. Cap. 45), ma i reperti clinici, biochimici e istologici sono in questo caso sostanzialmente diversi da quelli dell'epatite diffusa.

Varie infezioni sistemiche o altre malattie possono produrre piccole aree focali di necrosi e di infiammazione epatica. Queste epatiti reattive aspecifiche causano alterazioni minori della funzionalità epatica e sono di solito asintomatiche.

Le infiammazioni epatiche non infettive e alcune infezioni epatiche sono trattate negli appositi paragrafi e sono riassunte nella Tab. 42-1.