cookies

Manuale MSD > Malattie muscoloscheletriche del tessuto connettivo

5. MALATTIE MUSCOLOSCHELETRICHE
DEL TESSUTO CONNETTIVO

61. DISORDINI COMUNI DELLA MANO

SINDROMI NEUROVASCOLARI

SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

Compressione del nervo mediano, a livello del passaggiodello stesso attraverso il tunnel carpale del polso.

Sommario:

Introduzione
Sintomi e diagnosi
Terapia


(Per la malattia e il fenomeno di Raynaud, v. Cap. 212.)

La sindrome del tunnel carpale è molto comune e si verifica con maggior frequenza in donne dai 30 ai 50 anni. Le cause comprendono l'AR (talora come sintomo d'esordio), il diabete mellito, l'ipotiroidismo, l'acromegalia, l'amiloidosi e la gravidanza (producendo edema nel tunnel carpale). Le attività o i lavori che richiedono flessione ed estensione ripetitiva del polso (p. es., l'uso di una tastiera) possono costituire un rischio occupazionale. Spesso, nessuna causa sottostante viene trovata.

Sintomi e diagnosi

I sintomi comprendono dolore della mano e del polso associati a parestesie e torpore, classicamente distribuiti lungo il nervo mediano (lato palmare del pollice, indice e dito medio e la metà radiale del dito anulare) ma che possono coinvolgere anche l'intera mano. Tipicamente, il paziente si sveglia la notte con un dolore urente o con indolenzimento e con torpore e parestesie e deve scuotere la mano per ottenere sollievo e ristabilire la sensibilità.

La diagnosi è confermata dalla positività del segno di Tinel, nel quale il formicolio (parestesia) è riprodotto percuotendo con un martelletto la superficie volare del polso a livello del nervo mediano e del tunnel carpale. Ulteriori test comprendono le manovre di flessione del polso (p. es., segno di Phalen). Atrofia del tenar e debolezza nell'elevare il pollice si possono sviluppare più tardi. La diagnosi è confermata da test elettrodiagnostici di velocità di conduzione del nervo mediano, che offre un accurato indice della conduzione motoria e sensitiva nel nervo.

Terapia

La terapia comprende uno splint leggero del polso, specialmente di notte; possibilmente la piridossina (vitamina B6) 50 mg bid e leggeri analgesici (p. es., acetaminofene, FANS). Alcune persone trovano sollievo nel cambiare la posizione delle tastiere del computer e nel fare altre correzioni ergonomiche. Se queste misure non riescono a controllare i sintomi, può essere iniettato un corticosteroide localmente nel tunnel carpale, proprio nel punto ulnare del tendine lungo palmare e prossimalmente alla piega distale del polso. Se dei sintomi noiosi persistono o recidivano o se la mano si indebolisce e progredisce la distruzione dell'eminenza tenar, si raccomanda la decompressione chirurgica del tunnel carpale utilizzando una tecnica a cielo aperto o l'endoscopia.