Errore nell'elaborazione del file SSI
Errore nell'elaborazione del file SSI
  

Manuale Merck > Malattie muscoloscheletriche del tessuto connettivo

5. MALATTIE MUSCOLOSCHELETRICHE
DEL TESSUTO CONNETTIVO

62. TRAUMI COMUNI DA SPORT

TENDINITE ACHILLEA

Sommario:

Introduzione
Sintomi e segni
Terapia

(V. anche Tendinite e tenosinovite nel Cap. 59 e Borsite posteriore del tendine d'Achille nel Cap. 60.)

Durante la corsa, i muscoli del polpaccio flettono l'avampiede a livello del terreno dopo l'appoggio del tallone e sollevano il tallone durante il balzo in avanti; l'infiammazione del tendine d'Achille è causata dall'azione sul tendine di forze ripetitive che causano l'infiammazione del tendine.

Durante una corsa in discesa su un pendio, l'avampiede impatta il suolo con più forza che su un terreno piano, poiché si flette maggiormente e ha uno spazio maggiore per accelerare prima di impattare il suolo. Durante una corsa in salita su un pendio, il tallone è molto più in basso dell'avampiede per cui occorre una forza molto più grande da parte dei muscoli del polpaccio per sollevare il tallone prima della spinta delle dita.

Un forte morbido consente un movimento eccessivo del tallone nella scarpa. Il retropiede non è stabile e il tendine di Achille esercita tensione su un'inserzione mobile, ponendo grande stress sul tendine e aumentando la possibilità di stiramento. Le scarpe a suola rigida che non si piegano appena dopo la prima articolazione metatarso-falangea, generano grande stress sul tendine di Achille subito prima della spinta delle dita. I fattori biomeccanici comprendono l'eccessiva pronazione, l'appoggiare il tallone a terra troppo indietro, il ginocchio varo, il piede cavo, tendini e muscoli del polpaccio corti e il varismo del retropiede.

Sintomi e segni

Il tendine di Achille non possiede una vera e propria guaina sinoviale, ma è circondato da un tessuto paratendineo (tessuto adiposo areolare che separa il tendine dalla sua guaina). All'inizio, il dolore dell'infiammazione al tendine d'Achille è causato dal danno al tessuto paratendineo piuttosto che al tendine stesso. Il dolore è più intenso quando il paziente si alza la mattina e spesso migliora continuando a camminare (poiché il tendine si muove più liberamente all'interno del tessuto paratendineo). Allo stesso modo, il dolore aumenta all'inizio dell'allenamento, e spesso migliora durante l'allenamento. Il tendine è dolente se compresso tra le dita.

Se il dolore viene ignorato e si continua a correre, l'infiammazione si estende al tendine, che alla fine viene sostituito dalla degenerazione mucoide e dalla fibrosi. Il dolore diviene, allora, costante, esacerbato dal movimento.

Terapia

L'atleta deve smettere di correre; la tensione sul tendine può essere ridotta posizionando un rialzo per sollevare il tallone nella scarpa, facendo stretching per i muscoli posteriori della coscia non appena questo non provochi dolore e usando scarpe con suole che si pieghino facilmente in corrispondenza della 1a articolazione metatarso-falangea; il controllo del retropiede può migliorare inserendo una ortesi in scarpe con rinforzi aderenti e rigidi a livello del tallone, e facendo esercizi per rinforzare il tendine di Achille non appena questi esercizi non causino dolore. (v. Tab. 62-3). Il paziente deve evitare corse veloci in salita o in discesa sui pendii, fin quando il tendine guarisce.

  
  •   
  • CORP-1045510-0000-MSD-W-06/2014
  •   
  •   
  •   
  •   
  • Privacy
  • Termini e condizioni