Manuale Merck > Malattie dell'orecchio, del naso e della gola

7. MALATTIE DELL'ORECCHIO, DEL NASO E DELLA GOLA

87. FARINGE

TONSILLITE

Infiammazione acuta delle tonsille palatine causata in genere da un'infezione streptococcica o, meno frequentemente, da un'infezione virale.

Sommario:

Introduzione
Diagnosi
Terapia


Epidemie di tonsillite virale si verificano tra i militari di leva. La tonsillite è caratterizzata da faringodinia e dolore, più forte alla deglutizione e spesso irradiato alle orecchie. Bambini molto piccoli possono non lamentare mal di gola, ma rifiutano di mangiare. Febbre alta, malessere, cefalea e vomito sono comuni.

Diagnosi

Le tonsille appaiono edematose e iperemiche. Possono essere presenti un essudato purulento nelle cripte e una membrana (bianca, sottile, non confluente e limitata alla tonsilla) che si stacca senza sanguinare. La diagnosi differenziale comprende la difterite, l'angina di Vincent (gengivite ulcerativa necrotizzante) e la mononucleosi infettiva. Nella difterite la membrana è grigio sporco, spessa e dura; sanguina se viene staccata; in coltura e sullo striscio è possibile dimostrare la presenza di Corynebacterium diphtheriae. L'angina di Vincent, caratterizzata da ulcere superficiali, dolorose, con bordi eritematosi, è causata da un bacillo fusiforme e da una spirocheta che sono evidenziabili su striscio. La tonsillite da mononucleosi infettiva è caratterizzata dalla presenza di micropetecchie nel palato molle; la presenza di linfociti atipici e la positività del test di agglutinazione eterofila (Mono-test) confermano la diagnosi di mononucleosi.

Terapia

Nelle tonsilliti virali la terapia sintomatica è come quella delle faringiti (v. sopra). La penicillina V 250 mg PO q 6 h o nei bambini < 6 anni, penicillina V 125 mg PO q 8 h rappresenta il trattamento di scelta in caso di tonsillite streptococcica e deve durare per 10 gg. Se possibile, si deve eseguire un altra coltura orofaringea dopo 5-6 gg dalla fine della terapia antibiotica. È bene anche sottoporre gli altri membri della famiglia a tampone orofaringeo, in modo che i portatori possano essere trattati insieme al paziente. La tonsillectomia deve essere presa in considerazione qualora episodi di tonsillite acuta si ripetono dopo un trattamento adeguato oppure se la tonsillite cronica e il mal di gola sono alleviati soltanto per poco dalla terapia antibiotica.