cookies

Manuale MSD > Disturbi psichiatrici

15. DISTURBI PSICHIATRICI

187. DISTURBI D'ANSIA

Sommario:

Introduzione
Eziologia
Sintomi e diagnosi


Tutti gli uomini provano paura e ansia. La paura è una risposta emozionale, fisiologica e comportamentale alla percezione di una minaccia esterna (p. es., un intruso, un'automobile che sfugge al controllo). L'ansia è uno stato emotivo spiacevole; le sue cause sono meno chiare. L'ansia è spesso accompagnata da alterazioni fisiologiche e da comportamenti simili a quelli causati dalla paura.

L'ansia adattativa aiuta le persone a prepararsi, allenarsi e provare, così da migliorare il proprio funzionamento aiutandole ad essere adeguatamente prudenti in situazioni potenzialmente pericolose. L'ansia disadattativa causa sofferenza e disfunzionalità. La curva di Yerkes-Dodson (v. Fig. 187-1) mostra la relazione tra lo stato emozionale di allarme (ansia) e la prestazione. Con l'aumento dell'ansia l'efficienza della prestazione aumenta proporzionalmente, ma soltanto fino a un livello ottimale oltre il quale l'efficienza prestazionale diminuisce, con ulteriore aumento dell'ansia.

I disturbi d'ansia sono più comuni di ogni altro tipo di disturbo psichiatrico. Tuttavia, spesso non vengono riconosciuti e di conseguenza non vengono curati.

Eziologia

Le cause dei disturbi d'ansia non sono completamente note, ma sono implicati fattori fisiologici e psicologici. Dal punto di vista fisiologico, tutti i pensieri e i sentimenti possono essere concepiti come risultanti da processi elettrochimici cerebrali; tuttavia ciò dice poco sulle complesse interazioni tra i più di 200 neurotrasmettitori e neuromodulatori del cervello, nonché sull'ansia e sullo stato di allarme normale e patologico. Dal punto di vista psicologico, l'ansia è considerata una risposta ad agenti stressanti ambientali, come l'interruzione di una relazione significativa o l'esposizione a un disastro potenzialmente letale.

Il sistema d'ansia di una persona di solito compie passaggi adeguati e impercettibili dal sonno, attraverso lo stato di allarme, sino all'ansia e alla paura. I disturbi d'ansia si manifestano quando il sistema d'ansia funziona in modo inadeguato oppure, a volte, quando è sopraffatto dagli eventi.

I disturbi d'ansia possono essere dovuti a un disturbo fisico oppure all'uso di una sostanza legale o illecita (v. oltre). Per esempio, l'ipertiroidismo oppure l'uso di corticosteroidi o cocaina possono produrre segni e sintomi identici a quelli di alcuni disturbi d'ansia primari.

Sintomi e diagnosi

L'ansia può presentarsi all'improvviso, come nel panico, oppure gradualmente nel corso di molti minuti, ore o anche giorni. Può durare da pochi secondi a interi anni; spesso i disturbi d'ansia sono caratterizzati da una durata maggiore. L'intensità dell'ansia varia da malesseri a malapena avvertibili al panico totale, la sua forma più estrema. La passione di una persona può essere la fonte d'ansia di un'altra (p. es., alcune sono rallegrati dal parlare in pubblico, mentre altre lo temono) e la capacità di sopportare l'ansia varia da persona a persona.

I disturbi d'ansia possono essere talmente gravi e dirompenti da provocare depressione. In altri casi, il disturbo d'ansia e la depressione possono coesistere, oppure la depressione può insorgere per prima e i segni e sintomi di un disturbo d'ansia possono manifestarsi successivamente.

Stabilire se l'ansia sia talmente grave da configurarsi come disturbo è una decisione che dipende da numerose variabili e i medici divergono nel porre la diagnosi. Se l'ansia causa molta sofferenza, interferisce con il funzionamento e non cessa spontaneamente entro pochi giorni, è presente un disturbo d'ansia che merita una terapia.

La diagnosi di uno specifico disturbo d'ansia si basa in larga parte sui suoi segni e sintomi caratteristici. Un'anamnesi familiare di disturbi d'ansia (eccetto il disturbo post-traumatico da stress) è d'aiuto, poiché molti pazienti sembrano ereditare una predisposizione agli stessi disturbi d'ansia da cui sono affetti i propri familiari, così come una vulnerabilità generale ad altri disturbi d'ansia.

I disturbi d'ansia vanno distinti dall'ansia che si manifesta in molti altri disturbi psichiatrici, poiché essi rispondono a trattamenti specifici differenti.

  
>