Manuale MSD di Geriatria > Disordini neurologici

SEZIONE 6

6. DISORDINI NEUROLOGICI

45

DISORDINI DEL LINGUAGGIO

DISARTRIA

Incapacità di articolare in modo adeguato le parole (cioè, linguaggio non coordinato, risposta latente) a causa di una lesione del sistema nervoso centrale o periferico.

La disartria, per frequenza, è il secondo disturbo del linguaggio negli anziani. Può essere atassica, flaccida, ipercinetica, ipocinetica, spastica o mista (v.  Tabella 45-2). Tra le cause, è inclusa la ridotta coordinazione delle labbra, della lingua, del palato, delle corde vocali o dei muscoli respiratori, dovuta a una patologia neurologica (ictus, trauma cranico, interventi neurochirurgici, sclerosi laterale amiotrofica, sclerosi multipla, paralisi dei nervi cranici) o a lesioni che compromettono il meccanismo del linguaggio (p. es., tumori delle corde vocali).

Nonostante le anomalie a livello di uno o più meccanismi principali del linguaggio (respirazione, fonazione, risonanza, articolazione e prosodia), i pazienti sono in grado di emettere suoni approssimati, ma con una corretta disposizione. I pazienti sono in grado di leggere e scrivere, in quanto è intatta la funzione del linguaggio.

Gli obiettivi della riabilitazione dipendono dalla natura della disartria. Se ne è causa un evento neurologico acuto (p. es., ictus, trauma cranico, chirurgia), l’obiettivo sarà quello di ripristinare e preservare il linguaggio. Se invece la causa è rappresentata da una malattia neurologica cronica e evolutiva (p. es., sclerosi laterale amiotrofica, sclerosi multipla), lo scopo della riabilitazione sarà quello di mantenere il più a lungo possibile la funzione. Tuttavia, con il peggiorare della disartria, sarà necessario modificare il linguaggio (spesso con la pratica) per controllare la pronuncia delle consonanti e l’articolazione delle parole. In casi molto gravi, sarà necessario aumentare le possibilità di comunicazione mediante lavagne, immagini o dispositivi elettronici. Se la causa consiste in una lesione dei processi meccanici del linguaggio (p. es., tumore delle corde vocali), sarà necessario prendere in considerazione un trattamento specifico quale la chirurgia.