Campagne

Alza il volume (tumore ovarico)

In occasione dell’8 Maggio, Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico, nasce la Campagna “Alza il Volume” per fare rumore intorno a quello che viene definito un tumore silenzioso a causa dei suoi sintomi aspecifici.

01/05/2020

Condividi

article hero thumbnail

In occasione dell’8 Maggio, Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico, nasce la Campagna “Alza il Volume” per fare rumore intorno a quello che viene definito un tumore silenzioso a causa dei suoi sintomi aspecifici.
Un progetto realizzato con il patrocinio di ACTO Onlus, Associazione contro il Tumore Ovarico e che, grazie ad un ecosistema digitale, veicola informazioni importanti per sensibilizzare e “fare rumore” su questa patologia invitando le donne ad alzare il volume e a mettersi in ascolto, perché la conoscenza è un’arma potente per combattere anche questo tipo di tumore.
Il tumore dell’ovaio rappresenta circa il 30% di tutti i tumori maligni dell’apparato genitale femminile e rappresenta circa il 3% di tutti i tumori femminili. L’incidenza varia nelle diverse fasce di età, con un’incidenza in crescita dopo i 40 anni, e un picco tra i 50 e i 70 anni. E’ un tumore molto insidioso per due principali motivi. Oltre ad esserecaratterizzato da sintomi aspecifici, attualmente non esistono strumenti di prevenzione (come il vaccino o come il pap test per il tumore della cervice) né test di screening precoce (come la mammografia per il tumore al seno). Per tali motivi il carcinoma ovarico, in più del 60% dei casi, viene diagnosticato tardivamente quando è già in stadio avanzato influenzando l’esito delle cure. Una storia familiare di malattia, cioè la presenza all’interno della stessa famiglia di uno o più casi di tumore del seno o dell’ovaio, aumenta considerevolmente il rischio di sviluppare un carcinoma ovarico. Recenti studi hanno anche rilevato che Il 15-25% dei tumori ovarici sono di origine genetico-ereditaria, cioè sono causati dalla mutazione di due geni che si trasmettono di generazione in generazione: il gene BRCA1 e il gene BRCA2. Sapere se si ha una familiarità o una predisposizione genetica ereditaria per il tumore ovarico è molto importante sia a livello di prevenzione, sia a livello di cura. La diagnosi tempestiva può migliorare le probabilità di sopravvivenza: infatti se il tumore ovarico viene diagnosticato in stadio iniziale la possibilità di sopravvivenza a 5 anni è del 75-95% mentre la percentuale scende al 25% per i tumori diagnosticati in stadio molto avanzato.

https://www.aiom.it/wp-content/uploads/2020/10/2020_Numeri_Cancro-operatori-web.pdf

Quali fattori aumentano il rischio di Tumore Ovarico? – Prevenzione, diagnosi, terapia – Il tumore ovarico – Acto Onlus – Alleanza contro il tumore ovarico (acto-italia.org)

I passi della diagnosi – Prevenzione, diagnosi, terapia – Il tumore ovarico – Acto Onlus – Alleanza contro il tumore ovarico (acto-italia.org)

IT-NON-05423-W-09-2023

Next